Ecobonus 65%

L’agevolazione è concessa per interventi che aumentano il livello di efficienza energetica di edifici esistenti. In particolare riguarda gli interventi sostenuti per:

  • Riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • Miglioramento termico dell’edificio (coibentazione, infissi, finestre, pavimenti)
  • Installazione di pannelli solari
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale (anche a biomassa o ibridi)
  • Installazione di schermature solari
  • Installazione di dispositivi multimediali

Le detrazioni vanno ripartite in 10 rate annuali ed è riconosciuta nella misura del 65%.

La detrazione è ridotta al 50% per le spese sostenute per finestre, infissi e schermature solari e per alcuni tipi di caldaie. La proroga riguarda anche micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili. Per i condomìni sono previste detrazioni più elevate (70 o 75%) per particolari interventi riguardanti l’involucro dell’edificio.
Possono usufruirne tutti i contribuenti.

BENEFICIARI PRINCIPALI
Persone fisiche a titolo privato, soggetti economici esercenti attività di impresa, in forma individuale o collettiva, ecc., proprietari/detentori di edifici  esistenti già provvisti di impianti di riscaldamento (riguardo agli immobili posseduti/detenuti da soggetti economici svolgenti attività d’impresa con risoluzione 34 del 25/06/2020 è stato stabilito che non rileva più  l’utilizzo dell’immobile ai fini della fruizione del beneficio)
CONTENUTO DELL’AGEVOLAZIONE
L’agevolazione  consiste in una detrazione, calcolata in percentuale sulle spese sostenute nel periodo temporale indicato di seguito, per opere di riqualificazione energetica dei suddetti edifici, utilizzabile ai fini delle imposte sui redditi  (IRPEF e IRES) in 10 quote annuali  di pari importo. Per gli interventi eseguiti su edifici di proprietà o detenuti da società di persone l’agevolazione spetta pro-quota ai soci delle stesse.

 I limiti delle spese ammesse alla fruizione degli incentivi fiscali Ecobonus e Sisma Bonus sono aumentati del 50% per gli interventi di ricostruzione riguardanti i fabbricati danneggiati dal sisma nei comuni di cui agli elenchi allegati al DL 189/2016 (Sisma Centro Italia) e di cui al DL 39/2009 (Sisma Abruzzo); agevolazione ora estesa ai comuni interessati da tutti gli eventi sismici verificatisi dopo l’anno 2008 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza; in questi casi, gli incentivi sono alternativi al contributo per la ricostruzione.
PERIODO DI APPLICAZIONE
– dal 1/1/2019 al 31/12/2021 per gli interventi effettuati sui singoli edifici
– dal  1/1/2019  al 31/12/2021 per gli interventi effettuati su parti comuni di condomini o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio

Normativa di Riferimento

* Decreto Legge n. 63 del 2013 – “Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell’edilizia per la definizione delle procedure d’infrazione avviate dalla Commissione europea, nonchè
altre disposizioni in materia di coesione sociale.”

* Legge n. 160 del 27 dicembre 2019 c.d. “Legge di Bilancio”.
Con particolare riferimento all’art. 1 commi 70 e 175

* Riferimento all’art. 1, commi 70 e 175 della Legge 160/2019

I commenti sono chiusi.